Menu

L’USD / CAD si colloca vicino ai picchi di 2-1 / 2 mesi, intorno alla metà di 1.3300s

0 Comments

Il dollaro ha mantenuto guadagni ottenuti mercoledì contro la maggior parte delle valute principali grazie in parte a un rapporto sui prezzi al consumo degli Stati Uniti di giovedì che ha mostrato un costante accumulo di pressione di inflazione che potrebbe mantenere la Federal Reserve su un percorso di graduali aumenti dei tassi di interesse. Il dollaro canadese si è sviluppato in una valuta di riserva globale dagli anni ’70, quando è stato quotato contro tutte le altre valute mondiali e ancora oggi un certo numero di banche centrali e commerciali conserva i dollari canadesi come valuta di riserva. Inoltre, è considerata una valuta di riferimento. Ha assistito a vendite aggressive tra le notizie secondo cui l’amministrazione Trump prevede di imporre una tariffa del 20% sulle importazioni di legname tenero dal Canada. Tracciando come si comporta contro il dollaro USA, gli economisti dei cambi possono indirettamente rilevare modelli interni e performance nell’economia degli Stati Uniti che potrebbero non essere visti così facilmente dall’osservazione diretta. Ha invertito le direzioni e registrato perdite modeste la scorsa settimana. Il dollaro canadese o loonie, è una moneta da un dollaro color oro introdotta nel 1987 che reca immagini di un loon comune, un uccello che è abbastanza comune in Canada.

Il forte avanzamento del biglietto verde sta costringendo la banda di Bollinger ad allargarsi. I nuovi ordini scendono al ritmo più veloce da oltre dieci anni ad agosto. Il prezzo continua a rimanere più alto anche se i dati degli Stati Uniti sono stati mescolati, l’USD ha ricevuto il sostegno del cambiamento di occupazione non agricola dell’ADP, che è aumentato da 174K a 253K a maggio, è stato riportato molto più alto rispetto alla stima 181K, ma sfortunatamente l’indicatore delle richieste di disoccupazione è aumentato da 235K a 248K nella settimana precedente, battendo la stima di 239K. I prezzi del petrolio più deboli hanno minato Loonie e hanno contribuito a riguadagnare la trazione. Sullo sfondo di un allentamento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, le prospettive di rialzo dei tassi della Fed hanno continuato a sostenere il biglietto verde ed è stato visto come uno dei fattori chiave che spingono la coppia verso l’alto. Un aumento maggiore verrà confermato se il tasso aumenterà e si stabilizzerà al di sopra del livello di ritracciamento del 50%. Il calo dei rendimenti statunitensi sta dando ali al rifugio sicuro giapponese e sta quindi minando qualsiasi potenziale rimbalzo nella croce.

L’indicatore è migliorato a 218 mila a giugno, segnando la sua migliore lettura da settembre 2015. Ad esempio, è possibile vedere lo stato degli indicatori dei punti ciechi, dei segnali di mantenimento della corsia o del sistema di controllo automatico della velocità adattivo in azione. Nel frattempo, il canadese rimane appesantito dagli ultimi commenti del vice governatore senior Wilkins della Bank of Canada (BOC), poiché ha notato che le tariffe statunitensi sul Canada non sono buone notizie e che i suoi effetti sui prezzi al consumo devono ancora essere valutati.

La coppia è riuscita a resistere con modesti guadagni e sembrava piuttosto non influenzata dal recente tumulto politico degli Stati Uniti, che ha portato a una rinnovata vendita del dollaro USA giovedì. Ha chiuso la settimana a 1.3167. Sfida la rinnovata vendita di dollari USA guidata dalla politica.